Sabato 13 Agosto

21:00 - Borgata Rittana
Paraloup (CN)

Prove di eremitaggio

Teatro e Musica

Le Prove di eremitaggio sono un tentativo di allontanarsi da tutto per avvicinarsi a tutto, un concetto che appartiene ai mistici, ai santi.


Dettagli evento

Ingresso

FABIO BAROVERO / FRANCO ARMINIO
PROVE DI EREMITAGGIO

Sabato 13 agosto 2022 ore 21.00
Borgata Rittana, Paraloup (CN)

A breve le info sui biglietti

Descrizione

Era ora che mi facessi santo. Ora ho una piccola religione
che mi guida: pregare è rischiare, non è cercare scampo. (F.A.) 

Le Prove di eremitaggio sono un tentativo di allontanarsi da tutto per avvicinarsi a tutto, un concetto che appartiene ai mistici, ai santi. E la condizione fondamentale dell'eremita. Una figura apparentemente difficile da inserire nella contemporaneità, perché ci costringe a pensare al passato (gli eremiti nel deserto, nel medioevo, i santoni rifugiati nelle grotte). Ma "allontanarsi da tutto per avvicinarsi a tutto" è una necessità anche di oggi, un'esigenza spirituale che non trova accoglienza nei tradizionali luoghi di culto, e anche una condizione sempre più sotto minaccia in quest'epoca, considerato il fatto che "nel mondo contemporaneo e tecnologizzato presto non ci sarà alcuno che potrà rifugiarsi da qualche parte nella speranza di non essere spiato." (Z. Bauman). 

Alex Majoli, Fabio Barovero e Franco Arminio, (rispettivamente fotografo, musicista e poeta) hanno portato in scena in un unico spettacolo una specie di incontro diretto con il pubblico, un report di viaggi, il cuore messo a nudo di quella loro comune attitudine indispensabile: "allontanarsi da tutto per avvicinarsi a tutto". Nel corso del primo lockdown del 2020 in seguito alle ristrettezze per la pandemia da Covid-19 abbiamo provato tutti - costretti - il significato di isolamento, ma non una libera esperienza eremitica. 

Molti di noi hanno sperato all'inizio della pandemia in un buon uso della sventura collettiva in corso. Ci è apparso chiaro dopo l'estate che quel fervore civile era sbiadito, che il tema di cambiarci grazie al dolore era smarrito. Ma qualcuno ha scritto che quando il pericolo è più grande arriva ciò che salva. A dispetto dell'apparenze, il bene è ancora possibile e la contentezza puo resistere ad ogni umiliazione. La contentezza ci salverà se ci batteremo per salvarla. Ora abbiamo bisogno di raggiungere la platea in modo inedito, rigenerativo. Vorremmo far sentire il fiato sul collo al pubblico, il respiro negato, un soffio vitale. 

Come fanno a convivere il video di una donna che prega in mezzo ai reporter di mezzo mondo all' indomani della strage del Bataclan a Parigi, un viaggio con il poeta Franco Arminio tra le case nuove già abbandonate di un paese irpino, le prime istantanee catartiche di una Sicilia spiazzata e spiazzante che si cala nell'emergenza Covid? Sullo schermo scorre un flusso di immagini dei video e delle fotografie di Alex Majoli, che ci costringe a guardare il mondo come "sospeso tra teatro e realtà". Allo stesso tempo, il linguaggio fotografico si unisce alla musica creando una dimensione liturgica dello sguardo eremitico sul mondo.

Nessuno da morto può mai essere così lontano dal mondo come lo siamo da vivi. (F.A.)

FRANCO ARMINIO
Franco Arminio è nato e vive a Bisaccia, in provincia di Avellino; poeta, scrittore, regista, reporter lirico, documentarista, promotore di battaglie civili, inventore di uno sguardo nuovo sull’Italia interna e interiore di cui ha molto scritto che ha chiamato “paesologia”, lavoro di letteratura composto da libri memorabili come Viaggio nel cratere (Sironi),Vento forte tra Lacedonia e Candela (Laterza), Terracarne (Mondadori; premio Carlo Levi e premio Volponi). Nel 2015 fonda la "Casa della paesologia" a Trevico, il comune dell'Irpinia più elevato in altitudine nonché antica sede della Baronia.
Roberto Saviano lo ha definito «uno dei poeti più importanti di questo paese, il migliore che abbia mai raccontato il terremoto e ciò che ha generato».

FABIO BAROVERO
Compositore, musicista, produttore; lavora per il cinema, la televisione, la radio e il teatro. Al suo attivo centinaia tra spettacoli, concerti, sonorizzazioni, allestimenti nonchè partecipazioni a progetti discografici in ambito italiano e internazionale. E’ membro fondatore del gruppo dei Mau Mau, band italiana tra le più note nel panorama della world music. Tra le molte collaborazioni: Africa Unite, La Crus, Ivano Fossati, Vinicio Capossela, etc...
E’ coautore, produttore, esecutore in tutti gli album di Saba Anglana, pubblicati in 60 Paesi. Nel 1997 insieme a Roy Paci è ideatore del progetto Banda Ionica. Vince il “Nastro d’Argento” per le musiche del film La Febbre di Alessandro D’Alatri e il “Carlo Savina Music Award” per la colonna sonora di Dopo Mezzanotte di Davide Ferrario. Pubblica tre album come solista, con una personalissima estetica musicale tra elettronica e partiture orchestrali: Preghiere (2003), Sweet Limbo (2010), e Eremitaggi (2019).

ALEX MAJOLI
Alex Majoli (Ravenna, Italia, 1971) è un fotografo italiano.
Il suo lavoro verte sulla condizione umana e sulla teatralità che ci si presentano quotidianamente. La carriera di Alex Majoli iniziò dopo aver fotografato la chiusura di un noto manicomio sull’isola di Leros in Grecia, questo lavoro è diventato la sua prima monografia Leros. L’interesse di Majoli per le cure psichiatriche lo portò a proseguire il suo lavoro in Brasile, dove ebbe inizio un progetto che sarebbe durato venti anni, intitolato “Tudo Bom”, un’esplorazione della complessa società brasiliana.
Per molti anni Majoli ha lavorato come fotogiornalista e l’esperienza acquisita sul campo lo ha portato a esplorare l’idea della teatralità della vita. Le sue foto diventano scene di un film dove le persone, attraverso la loro performance, esprimono il loro essere come se fossero su un palcoscenico.
Attualmente sta lavorando a un progetto che esplora l’attuale fragmentazione e polarizzazzione dell’identità europea, in un periodo di crisi che ha messo l’europa davanti a scelte molto decisive.
E' membro di Magnum photos dal 2001 ed è rappresentato dalla galleria Howard Greenberg.


La foto di Franco Arminio è di Leonardo Cendamo.

Produzione

FABIO BAROVERO / FRANCO ARMINIO
PROVE DI EREMITAGGIO
Hermitage session di Fabio Barovero con:
- Franco Arminio - testi e voce recitante
- fotografie evideo di Alex Majoli
- Fabio Barovero - piano, elettronica e conduzione
- Simone Rossetti Bazzaro - violino, viola 





Evento precedente

Atlante in concerto

Gli Atlante sono un power trio di stampo Alternative Rock nato a Torino nel 2016. Il singolo Atlas, contenuto nel loro primo disco Un’entropia di immagini e pensieri (2019, Pan Music Production)...

Evento successivo

Storie vere al 97% nell'Antico Egitto

Tutte le storie dicono di essere vere, ma quelle raccontate da Alessandro Barbaglia, vincitore del Premio Strega Ragazze e Ragazzi 2021 per il suo precedente romanzo Scacco matto tra le stelle, sono p...