Giovedì 28 Luglio

BIGLIETTI DISPONIBILI 21:00 - Mattie (TO)
Mattie

Cambiare il clima

Teatro

Raccontare in un’ottica costruttiva e non catastrofista il tema del cambiamento climatico, con un linguaggio divulgativo leggero e comprensibile. Spettacolo all'interno della stagione Scene dal vivo 2022.


Dettagli evento

Ingresso

Cambiare il clima
Faber Teater
Giovedì 28 luglio 2022 ore 21.00
Ex Discarica Consortile, Mattie (TO)
Ingresso: 2 euro

A breve le info sull'acquisto dei biglietti

Descrizione

Ammirava la sua missione e leggeva fedelmente ogni articolo sui
cambiamenti climatici. Una volta tuttavia gli disse che prendere
l’argomento con la serietà dovuta avrebbe significato non pensare ad altro
per 24 ore su 24. Il resto diventava irrilevante, al confronto.

Ian Mc Ewan, Solar

E di cambiamento climatico parliamo in “Cambiare il clima”; lo facciamo attraverso la presenza in scena dei due
attori-ingegneri di Faber Teater; ma anche con la presenza in video dei ricercatori e delle ricercatrici del Dipartimento di Ingegneria dell’Ambiente del Territorio e delle Infrastrutture del Politecnico di Torino (DIATI).
Un viaggio a tappe attraverso il processo vivo e multiforme della ricerca scientifica, per andare ad indagare dal
sottosuolo alla cima delle montagne, dalla città ai ghiacciai; per investigare dubbi e certezze, ansie e speranze: con leggerezza e metodo.
Un’ora per raccontare in un’ottica costruttiva e non catastrofista il tema del cambiamento climatico, con un linguaggio divulgativo leggero e comprensibile, per porsi la domanda:“Come facciamo ad adattarci al mondo che ci aspetta?”
È un gioco di equilibri, di contrappesi, fatto di scelte e conseguenze, di passione e rigore.
La scienza dialoga con il teatro, attraverso il teatro, e i due linguaggi scoprono nella creatività lo strumento in comune per guardare in faccia il “problema più grande che il mondo deve affrontare” (P.Wadhams, “Addio ai ghiacci”).

Sebastiano: ... abbiamo pochissimo tempo
Marco: Quanto abbiamo?
Sebastiano: Meno di un’ora. E un sacco di cose da fare
Marco: Da dire. Un sacco.
Sebastiano: Da quanto abbiamo cominciato?
Marco: Appena cominciato...

Faber Teater è un gruppo di artigiani teatrali, un ensemble che condivide un cuore musicale e una poetica, che crede in un teatro che accoglie e si completa creando relazioni.

Un teatro anche dove non ti aspetti, una bottega creativa in movimento dove cercare, gioire, cantare, stupirsi…

Faber come fabbro, artigiano, il nostro vuole essere un teatro di artigianato, una bottega d’artista dove imparare, studiare, gioire, cercare, stare. Mettiamo al centro il lavoro d’attore, il teatro di gruppo, la creazione collettiva, coltiviamo la relazione attore-spettatore e siamo alla continua e appassionante ricerca di un “nostro teatro” fatto di pensiero, azione, idee, spettacoli, scambi, qualità, impegno. Crediamo nel momento spettacolare come intenso scambio di percezioni, emozioni, energie, “storie” con gli spettatori, nei luoghi, spesso non convenzionali, che ci ospitano.

Faber Teater è nato nel 1997 grazie all’intuizione e alla visione di Aldo Pasquero (per anni anche direttore artistico del gruppo con la preziosa collaborazione di Giuseppe Morrone).

Crediamo nell’autopedagogia e nella ricerca collettiva ed individuale di un allenamento, di una preparazione alla scena che passa attraverso diverse tradizioni provenienti da mondi vicini e lontani: dallo yoga alla danza, dall’acrobatica all’uso dei trampoli, dal canto alla narrazione, allo studio di strumenti musicali. Dal 2004 abbiamo scelto di approfondire la ricerca vocale, musicale e pedagogica con Antonella Talamonti, compositrice, formatrice, insegnante e vocalista, per vent’anni collaboratrice della Scuola Popolare di Musica di Testaccio di Roma.

Nel corso degli anni ci siamo confrontati e abbiamo collaborato con molti uomini e donne di teatro, che stimiamo, da cui molto abbiamo imparato e con cui abbiamo condiviso e condividiamo parte del nostro percorso pedagogico e artistico tra cui Mario Barzaghi, Claudia Contin e Ferruccio Merisi, Andrea Brugnera, Rocco De Paolis, Mario Chiapuzzo, Luciano Nattino, Gianni Bissaca, Paolo Nani.

Abbiamo creato e portiamo in tournée nel mondo tanti spettacoli, in festival prestigiosi nelle grandi capitali e nei villaggi più remoti, in teatri storici e piccole piazze, per pochissimi o centinaia di spettatori.


 

Produzione

La foto è di Diego Diaz.

Prenotazione

FAQ Prenotazione

Voglio modificare o cancellare la mia prenotazione. Come fare? 

Sarà possibile modificare o cancellare la prenotazione tramite il link ricevuto nella mail di conferma dopo la prenotazione.

Voglio assistere a uno spettacolo a pagamento. Come fare?

È consigliato acquistare il biglietto online seguendo le istruzioni sul nostro sito.
In alternativa, il biglietto si può acquistare in cassa dopo aver effettuato una prenotazione compilando il modulo sul sito.
Attenzione: Alcuni spettacoli sono disponibili soltanto tramite prevendite.

Quali metodi di pagamento sono accettati in biglietteria?

In cassa sono accettati i pagamenti in contante, con il bancomat o tramite l'app Satispay.

Posso portare il mio cane a uno spettacolo?

I cani non sono ammessi agli spettacoli, anche se di piccole dimensioni.

Dove si svolgerà lo spettacolo?

L’indirizzo e la localizzazione precisa si trovano sulla pagina del sito dedicata all’evento e sui social media.

Cosa succede in caso di pioggia per un evento all’aperto?

In caso di rinvio causa maltempo o in caso di cambio sede, gli spettatori sono informati tramite i nostri social media, la mail usata durante la prenotazione, e il nostro sito.

Voglio portare un bambino a un evento a pagamento. Come funziona?

Gli spettacoli sono gratuiti per le persone sotto i 12 anni, a esclusione degli spettacoli per famiglie che spesso propongono una tariffa ridotta per tutti.

Sono una persona di più di 65 anni e vorrei assistere a un evento a pagamento. Come fare?

Il biglietto ridotto si potrà acquistare direttamente in biglietteria la sera dello spettacolo, dopo avere effettuato una prenotazione compilando il modulo sul sito.

FAQ Green Pass

Il Green Pass è obbligatorio per accedere all’area degli eventi? 

No, dal 1° maggio 2022 il Green Pass non è più necessario per accedere all’area dell’evento. Resta l'obbligo della mascherina modello FFP2.

Hai altre domande?





Evento precedente

Cantautori a pezzi

“Cantautori a pezzi” è un bel gioco di parole, un titolo che esprime potenzialmente una marea di significati, un’espressione che, mascherata da punto d’arrivo, è ...

Evento successivo

Anime salve

Un altro capitolo; un altro viaggio nell'universo poetico e musicale del grande Faber. Uno spettacolo in cui i nuovi arrangiamenti originali, cuciti sulle canzoni del cantautore genovese, tesson...