SOLD OUT

Venerdì 24 Giugno

21:00 - Arena del Monastero
Via Balegno 6, Rivalta di Torino

Figurini - Bandakadabra

Musica

Quadri, figure, figurini. Un susseguirsi di “immagini musicali”, di piccoli atti unici legati tra di loro dal meccanismo dell’associazione mentale, della citazione, delle scatole cinesi, o molto più semplicemente da un accordo in Si bemolle.


Dettagli evento

Ingresso

Bandakadabra in Figurini

Arena del Monastero, Via Balegno - Rivalta di Torino

Venerdì 24 giugno 2022, ore 21.00.

Evento SOLD OUT

Descrizione

Quadri, figure, figurini. Un susseguirsi di “immagini musicali”, di piccoli atti unici legati tra di loro dal meccanismo dell’associazione mentale, della citazione, delle scatole cinesi, o molto più semplicemente da un accordo in Si bemolle.  

Venerdì 24 giugno la Bandakadabra, estrosa formazione di fiati e percussioni torinese, una “fanfara urbana” secondo l’efficace definizione di Carlin Petrini, nata sulla strada, in mezzo alla gente che - si sa - in quelle situazioni, è tutta da conquistare, fa un ulteriore passo avanti nella sua carriera e si cimenta in uno spettacolo comico-teatral-musicale dai toni vagamente surreali e dadaisti, capace, all’occasione, di abbattere la quarta parete e creare un flusso di comunicazione con gli spettatori seduti in platea. Lo farà, in questo caso, nella verde e fresca Arena del Monastero di Rivalta di Torino, spazio che da anni accoglie parte del cartellone estivo di Borgate dal Vivo con un pubblico vivace e ricettivo. 

Fil rouge dello spettacolo non può che essere la musica, capace di unire immaginari, situazioni e temi tra loro apparentemente inconciliabili: un riferimento alle atmosfere western e alle colonne sonore di Ennio Morricone si trasforma presto in un brano dei Beatles che a sua volta diventa l’occasione per riflettere ironicamente sulla “tossicità” degli smartphone e sulla sfortunata vita amorosa dei musicisti di “insuccesso”. 

Ma tutto, qui, può diventare qualcos’altro: gli strumenti suonano ma possono diventare oggetti di scena, la musica non è solo da ascoltare ma anche da vedere.  In questo continuo gioco di rimandi e mutamenti, i “figurini” della Bandakadabra provano sempre a costruire un dialogo con il pubblico, perché lo spettacolo sia anche un’occasione per scambiarsi qualcosa. Proprio come si faceva da bambini, giocando con le figurine, quando sui “celo celo, manca” si costruivano amicizie indissolubili e grandi passioni.
 

BANDAKADABRA

Carlo Petrini, giornalista e fondatore di Slow Food, ne ha parlato come di una “fanfara urbana”. Calzante definizione per un gruppo che fa della città il suo sfondo ideale e della strada non solo lo scenario in cui esibirsi, ma anche il luogo da cui trarre ispirazione. Fiati e percussioni compongono una surreale pocket orchestra capace di affrontare qualsiasi linguaggio musicale con una travolgente verve comico-teatrale.

Nata a Torino, la Bandakadabra vanta una frenetica attività live che l’ha portata a esibirsi in tutta Europa e a guadagnarsi una crescente attenzione da parte degli appassionati.

Dal Paleo Festival a Suoni delle Dolomiti, passando per Jazz sous les pommiers, il Premio Tenco, il Festival della Mente e Musicultura, in pochi anni la Banda ha collezionato più di quattrocento repliche, tra rassegne teatrali e musicali, festival di strada ed eventi privati, affermandosi come una realtà unica nel suo genere.

Di rilievo anche il livello degli artisti con cui il gruppo ha diviso il palco: da Vinicio Capossela a Goran Bregovic, passando per il poeta Guido Catalano, il rapper Willie Peyote e Samuel, voce dei Subsonica. Per quest’ultimo la Banda, oltre ad aver collaborato alla realizzazione dell’album dal vivo Live con Orchestra, arrangiando ed eseguendo tutte le parti di fiati, ha arrangiato ed eseguito due brani dell’ultimo disco Brigata Bianca (Sony Music).

Nel 2019 la Banda ha ottenuto il Premio del pubblico (primo posto) al Festival Cirque et fanfares di Dole, in Francia.

 

Produzione

Bandakadabra in Figurini

di Gipo Di Napoli, regia di Alessandro Mori.

Produzione Nidodiragno/CMC.

con:

Andrea Brondolo, rullante

Gabriele Cappello, sax alto 

Gipo Di Napoli, grancassa 

Giorgio Giovannini, trombone

Giulio Piola, tromba

Vito Scavo, trombone 

Filippo Ruà, susafono





Evento successivo

Mi abbatto e sono felice

L'urgenza dello spettacolo... perché "eco-sostenibile"? L’idea di mettere in scena “Mi abbatto e sono felice” nasce dalla riflessione che mi ha accompagnato nei ...