Venerdì 22 Luglio

PRENOTA SUBITO 21:00 - Arena del Monastero
Via Balegno 6, Rivalta di Torino

Cantautori a pezzi

Musica

Un bel gioco di parole, un’espressione che, mascherata da punto d’arrivo, è in realtà il punto di partenza per sempre nuove riflessioni sul ruolo del cantautore.


Dettagli evento

Ingresso

Cantautori a pezzi
Anna Castiglia, Ella Nadì, Protto e Vea
Venerdì 22 luglio 2022 ore 21.00
Arena del Monastero Via Balegno 6, Rivalta di Torino

A breve info sui biglietti

Descrizione

“Cantautori a pezzi” è un bel gioco di parole, un titolo che esprime potenzialmente una marea di significati, un’espressione che, mascherata da punto d’arrivo, è in realtà il punto di partenza per sempre nuove riflessioni su un ruolo, quello del cantautore, oggi quasi accantonato ma forse più che mai necessario alla nostra società.
I cantautori sono artigiani di canzoni, inventori di storie, attenti osservatori della realtà che li circonda e che vivono, artisti, uomini e donne di spettacolo, prodotti discografici e fenomeni di massa; difficili da incasellare dentro una sola scatola, oggi, come forse da sempre, i cantautori, tutti diversi tra loro, s’ identificano in coloro che,
cantando le proprie canzoni, sono capaci di smuovere qualcosa dentro chi li ascolta.

“Cantautori a pezzi”, ideato e promosso dalla giovane associazione torinese Soundset Aps, ha debuttato il 30 novembre 2021 sul palco del prestigioso Teatro della Concordia di Venaria, con l’inevitabile supporto della Fondazione Via Maestra.

Ai brani dei cantautori coinvolti, Anna Castiglia, Ella Nadì, Protto e Vea, saranno alternati dialoghi teatrali ispirati a macro argomenti tratti dalle loro canzoni.

I dialoghi, scritti da Francesco Arese (Soundset Aps), proporranno riflessioni riguardanti il rapporto a volte contrastante, altre complementare tra vita ed esistenza, tra rischio e libertà, tra felicità e paura di perdere il controllo.

Lo spettacolo si rivela un perfetto incontro tra musica e teatro, dove l’uno è indispensabile all’altro e viceversa.
Il soggetto è ambientato all’interno di una fabbrica, operante in una società distopica, dove l’ arte, in particolare la musica, è stata eliminata e poi dimenticata perché inutile alla produzione. Qui, i due protagonisti: il “Produttore” (Francesco Maresti) e il “Coordinatore” (Francesco Arese), dopo aver acquistato quattro cantautori in un negozio d’ antiquariato attraverso i loro dialoghi a tratti irriverenti e non privi di ironia, inviteranno lo spettatore a riflettere su temi propri della nostra società, affrontati dalle canzoni che dopo ogni dialogo verranno eseguite dal vivo.

I brani di Anna Castiglia, Ella Nadì, Protto e Vea verranno eseguiti dal vivo da tutti e quattro i cantautori attraverso un arrangiamento studiato ad hoc, ricco di armonizzazioni vocali.
 

Anna Castiglia
Catanese da 22 anni, Torinese da 4, Anna Castiglia nasce in un famiglia amante del teatro e della musica. Comincia a studiare chitarra classica all'età di 9 anni e canto dai 16 per poi diplomarsi in danza/tip tap e
recitazione all'accademia di Musical di Torino. Nonostante l'inevitabile legame con la città natale e malgrado una gavetta di chitarra e voce in vari locali di Catania che l'aiuta a familiarizzare con il palco e tutti i suoi imprevisti, Torino rappresenta un importante trampolino di lancio nel panorama musicale e cantautorale. Con i suoi locali, i suoi cantautori e soprattutto le opportunità le trasmette il coraggio di trasformare la passione della scrittura e della composizione nel suo stile di vita, così inizia a mettere in scena uno spettacolo composto da inediti e monologhi (sempre scritti da lei) intitolato "Sono Siciliana ma..." che debutta per la prima volta all'Ever Green Festival di Torino. Il 2 ottobre del 2019 partecipa a Duel - cantautori a confronto che è stato ospite del Reset festival ad OFF TOPIC, classificandosi al terzo posto ed entrando a contatto con altre importanti carriere, tra cui la Transeuropa
con la quale collabora per qualche mese, fino alla pandemia. Attualmente si fa produrre da Luca Vergano, chitarrista degli Afrodream, con il quale ha realizzato quattro tracce. Il suo progetto è stato selezionato dal Reset Festival del 2020 ed inserito nella sezione _reHUB grazie alla quale ha avuto l'opportunità di lavorare un inedito con dei mentor d'eccezione: Marina Rei, Samuel, Eugenio (Eugenio in Via Di Gioia) e Margherita Vicario.
Il 2 luglio 2021 ha vinto il premio “L’Artista che non c’era” grazie al quale intraprenderà un tour a partire da ottobre 2021. Il 23 Luglio si è esibita ad Apolide, festival di spessore nel nord Italia, tramite _reset festival condividendo il palco con numerose artiste e artisti come Margherita Vicario, Fulminacci, Nu Genea, Tutti Fenomeni e tanti e
tante altre.

Ella Nadì è una cantautrice torinese. Inizia il suo percorso artistico come leader di una band pop-folk chiamata "Ella and the Knockers", ma dopo solo un anno intraprende l'attività solista, esibendosi chitarra voce sui palchi della sua città.
Nel 2015, visto l'interesse positivo del pubblico, incide il suo primo EP "Terapia d'urto" presso il Transeuropa Recording studio di Torino. Il singolo, che anticipa l'uscita dell'ep, è Cliché, che dopo qualche settimana entra in rotazione su Radio Veronica One.
Dopo due anni di promozione, che contribuiscono ad una notevole crescita in ambito artistico e personale, Ella Nadì pubblica un secondo lavoro, un album di 10 brani intitolato "Dentro". Per promuovere l’ album, Ella Nadì affronta un tour più grande rispetto ai precedenti, toccando diverse città del nord e del centro Italia.
Partecipa a diversi concorsi, tra cui "Villeggendo – concorso nazionale per la musica d'autore" dove raggiunge il terzo posto, e accede alle semifinali del Premio De Andrè. Con la rielaborazione elettronica del brano "Cuore Matto" di Little Tony lancia, insieme all'associazione Onlus “Io sto con il Regina Margherita”, una campagna di
raccolta fondi destinati a finanziare le azioni di contrasto al bullismo. Nell' autunno del 2018 registra nuove canzoni presso lo studio "Sala Tre" di Roma con i musicisti Francesco Aprili e Matteo Domenichelli e nel marzo 2019, con il singolo "Mettiti sul divano", approda a Radio DeeJay quando Fiorello lo definisce tra i brani emergenti più interessanti del momento e lo trasmette su "Il Rosario della sera". Nel dicembre 2020, insieme allo studio Transeuropa di Torino, lavora alla produzione e realizzazione di “Something TO be”, un ep di tributo a John Lennon che vede la collaborazione di 15 artisti a sostegno di “Fooding – Alimenta la solidarietà”, un progetto di Arci Torino finalizzato a sostenere le famiglie maggiormente colpito dalla pandemia. Il 5 febbraio 2021 pubblica “Illumina”, singolo che finisce per una settimana in rotazione su Mtv Generation. Il 30 novembre del 2021 debutta al prestigioso Teatro della Concordia a Venaria Reale con lo spettacolo “Cantautori a pezzi” al fianco di altri tre artisti: Vea, Anna Castiglia e Protto. L’11 dicembre 2021 la cantautrice torinese Ella Nadì è la vincitrice dell’undicesima edizione del Premio Nazionale per la Canzone d’Autore Emergente – Premio Città di Quiliano e grazie a questa vittoria, è la prima artista italiana ad aggiudicarsi l’esibizione al prestigioso Meeteng degli Indipendenti che si svolgerà a Faenza (RV) nell’ottobre 2022.

PROTTO (cognome d’arte di Nicolò Protto) è un progetto inedito che nasce a Torino alla fine del 2016 e vede all’attivo due EP, “Di cattivo busto” (2018, CardioProductions, Torino) e “Dal vangelo secondo round (2020, Moovon Label, Torino). Il progetto partecipa al festival La città della canzone (Cremona, 2018), a tre edizioni consecutive del _resetfestival (Torino) dal 2018 al 2020, nell’ottobre del 2019 vince il concorso Duel Cantautori a Confronto (Torino), vittoria che gli apre le porte del Premio Bindi 2020 e del Festival MEI 2020. Nel 2020 e nel 2021 partecipa ai Festival di Sanrito (Cuneo) con i brani “Nein! Nein! Nein!” e “Troppo a nord”, brano inedito con cui vince il secondo premio del Premio Inedito le Colline di Torino 2021 nella categoria testo canzone. Nell’autunno 2021 PROTTO prende parte ad XFACTOR 2021, dove supera le auditions di fronte ai giudici con il brano Fossi ricco e arriva fino alla fase di selezione dei bootcamp, presentando l’inedito Jazz (A me piace il), pubblicato il 15 ottobre.

Vea, nome d’arte per Valeria Angelotti, si definisce “una madre di canzoni”. Vive a Torino e scrive canzoni da quando andava all'asilo. Tagliente, ironica, poetica e drammatica, sceglie le parole con cura per raccontare le sfumature della vita. Il suo stile non si addice alle definizioni di genere e fa della voce il suo punto forte.
Nel 2018, ha autoprodotto un EP chiamandolo “Posto Fisso” dopo essersi licenziata che, fino ad oggi, le ha permesso di suonare molto, girando l’ Italia. Negli anni ha ricevuto diversi riconoscimenti, l’ ultimo in piena pandemia da Covid19: il 28 Maggio 2020, Teresa De Sio la premia in videoconferenza con il secondo posto nella categoria “Testo Canzone” del premio InediTO - colline di Torino, grazie al testo del brano “Sei chi non sei”.
Esce il 30 Ottobre 2020 con “Le quattro mura di turno” e il 25 novembre 2020 con “Esplosa”, entrambi singoli estratti dall’album “Sei chi non sei”, 16 Aprile 2021 edito Metatron. Nel 2018, ha autoprodotto un EP chiamandolo “Posto Fisso” dopo essersi licenziata che, fino ad oggi,le ha permesso di suonare molto, girando l'Italia.Negli anni ha ricevuto diversi riconoscimenti, l'ultimo in piena pandemia da Covid19: il 28 Maggio 2020, Teresa De Sio la premia in videoconferenza con il secondo posto nella categoria “Testo Canzone” del premio InediTO - colline di Torino, grazie al testo del brano “Sei chi non sei”. Esce il 30 Ottobre 2020 con “Le quattro mura di turno” e il 25
novembre 2020 con “Esplosa”, entrambi singoli estratti dall’album “Sei chi non sei”, 16 Aprile 2021 edito Metatron.

Produzione

I quattro cantautori saranno accompagnati dai musicisti:
- Giulio Arfinengo (batteria)
- Alex Catania (tastiere e synth)
- Biagio Concu (basso e contrabbasso)
- Federico Macrì (chitarre)

A completare il team:
- Roberta Petrone (scenografa)
- Fabrizio Chiapello (tecnico del suono)
- Matteo Giacone (tecnico luci)

Prenotazione

FAQ Prenotazione

Voglio modificare o cancellare la mia prenotazione. Come fare? 

Sarà possibile modificare o cancellare la prenotazione tramite il link ricevuto nella mail di conferma dopo la prenotazione.

Voglio assistere a uno spettacolo a pagamento. Come fare?

È consigliato acquistare il biglietto online seguendo le istruzioni sul nostro sito.
In alternativa, il biglietto si può acquistare in cassa dopo aver effettuato una prenotazione compilando il modulo sul sito.
Attenzione: Alcuni spettacoli sono disponibili soltanto tramite prevendite.

Quali metodi di pagamento sono accettati in biglietteria?

In cassa sono accettati i pagamenti in contante, con il bancomat o tramite l'app Satispay.

Posso portare il mio cane a uno spettacolo?

I cani non sono ammessi agli spettacoli, anche se di piccole dimensioni.

Dove si svolgerà lo spettacolo?

L’indirizzo e la localizzazione precisa si trovano sulla pagina del sito dedicata all’evento e sui social media.

Cosa succede in caso di pioggia per un evento all’aperto?

In caso di rinvio causa maltempo o in caso di cambio sede, gli spettatori sono informati tramite i nostri social media, la mail usata durante la prenotazione, e il nostro sito.

Voglio portare un bambino a un evento a pagamento. Come funziona?

Gli spettacoli sono gratuiti per le persone sotto i 12 anni, a esclusione degli spettacoli per famiglie che spesso propongono una tariffa ridotta per tutti.

Sono una persona di più di 65 anni e vorrei assistere a un evento a pagamento. Come fare?

Il biglietto ridotto si potrà acquistare direttamente in biglietteria la sera dello spettacolo, dopo avere effettuato una prenotazione compilando il modulo sul sito.

FAQ Green Pass

Il Green Pass è obbligatorio per accedere all’area degli eventi? 

No, dal 1° maggio 2022 il Green Pass non è più necessario per accedere all’area dell’evento. Resta l'obbligo della mascherina modello FFP2.

Hai altre domande?





Evento precedente

Massimo Popolizio legge Frankenstein

Frutto perverso degli esperimenti di uno scienziato "apprendista stregone", espressione di una visione apocalittica della scienza, la creatura di Frankenstein è tuttora la raffigurazi...

Evento successivo

Cambiare il clima

Ammirava la sua missione e leggeva fedelmente ogni articolo sui cambiamenti climatici. Una volta tuttavia gli disse che prendere l’argomento con la serietà dovuta avrebbe significato no...