Sabato 18 Agosto

Teatro


Performance

“Hell o' Dante” Canto V, Paolo e Francesca tra i lussuriosi

“Hell o' Dante” Canto V, Paolo e Francesca tra i lussuriosi

Hell o’ Dante è uno spettacolo di narrazione che affronta l’Inferno in 34 serate ognuna dedicata a un canto. Attraverso una rigorosa ricerca e il commento di brani pop-rock suonati dal vivo, Saulo Lucci sviscera le terzine e i personaggi in esse racchiusi, la situazione storica e le pene tanto mirabilmente dipinte così come il pensiero dell’autore dando nuova vita a tutto ciò,  per riconsegnare agli spettatori la bellezza di una commedia che merita più di ogni altra mai scritta l’attributo di Divina.

Molto breve
Nel V canto incontreremo i due amanti più famosi della storia della letteratura italiana: Paolo e Francesca puniti nel cerchio dei Lussuriosi.

Molto medio
INF V - Tra le anime dei peccator carnali sbatacchiate dal vento,Dante sembra riconoscerne due la cui storia muoverà l'animo del pellegrino a una pietà tale da farlo svenire. Ma dei due amanti più famosi della storia ben poco si sa, e quel poco attraverso le loro parole o meglio quelle di Francesca, perché Paolo non fa che piangere eternamente.

Molto lungo
Lo stile tragico del quinto canto ci consegna una Francesca povera di umanità, quasi un’allegoria del sentimento d’amore dalla quale in ogni caso ci facciamo volentieri rapire. Di fatto non esce nulla della ragazzina di 16 anni costretta a unirsi in matrimonio con un vecchio di 31 brutto e storpio, dedito alla carriera politica e interessato solo alla dote territoriale che la giovane sposa gli portava. Nulla sappiamo dei suoi dieci anni di fedeltà a un marito che probabilmente non l’amava e quasi sicuramente la trascurava, preso dalla carica podestarile che lo teneva fuori casa la maggior parte del tempo. L’anima che incontriamo nel secondo cerchio ci commuove per il rapimento sentimentale di cui è vittima, ma verrebbe da schierarsi anche dalla parte della Francesca da Polenta da Rimini quella storica, cui fecero credere di sposare il bel Paolo Malatesta che compì gli atti del rito matrimoniale per conto di suo fratello Gianni detto lo Zoppo (Gianciotto).

Ma Dante non ci vuole intenerire con la sua triste storia, né indignare per il fatto di cronaca nera messo a tacere dalle due potenti famiglie per evitare scandali.

Le parole di Dante sono più alte del personaggio che le pronuncia e appartengono alla storia del mondo non a quella di un singolo. L’Amor… Amor… Amor… ci coinvolge tutti e sembra autorizzarci a seguire solo le sue leggi, anche se dovessero condurci a una morte. Dante in realtà ci mette in guardia da questo perché per quanto nobile sia morire per amore, i due amanti sono condannati alle pene eterne dell’inferno perché non seppero contenere la propria passione peraltro illecita.

Tuttavia la Francesca storica ha qualcosa che la lega alla sua controfigura letteraria sbatacchiata di qua di là di su di giù dal vento infernale. Anche lei viene sbatacchiata dalle volontà del padre prima e del marito poi che le consegnano una vita che probabilmente non voleva ma a cui si sottomette. La Francesca storica si deve sottomettere anche alla sua immagine letteraria sicuramente più forte e famosa di lei.

È un po’ come se volessimo ricondurre alla quotidianità una diva di Hollywood; perderemmo la sua immagine patinata per scoprire la fragilità di una donna sottomessa alle leggi dei media e da queste sbatacchiata come una candela nel vento.


Ospiti
Saulo Lucci

Saulo Lucci, Performer


Location
Indicazioni stradali

Prali, Pralibro, h. 21.00